lunedì , 16 maggio 2022
Home » Birrifici Belghi » Hoegaarden

Hoegaarden

hoegaarden-fotoHOEGAARDEN è il birrificio che ha dato origine, grazie ai monaci di questa cittadina del Brabante Fiammingo, alla birra bianca di frumento, nel 1445.
La caratteristica principale di questa birra è l’aggiunta di coriandolo e scorza d’arancia Curaçao provenienti dalle Indie Orientali attraverso scambi commerciali.
Grande fu il suo successo fino alla Seconda Guerra Mondiale che causò la chiusura dei numerosi birrifici sorti ad Hoegaarden, tra cui, per ultimo, il Tomsin nel 1957.
Nel 1965 il lattaio locale che aveva lavorato al Tomnis decise di riprendere la produzione della birra in questo villaggio e fondò il De Kluis, ma un incendio lo distrusse nel 1985.
Il birrificio Hoegaarden venne infine ricostruito dalla Artois e acquisito dalla AB InBev.

Le birre Hoegaarden

Diverse sono le birre prodotte dal birrificio Hoegaarden:
BIANCA: è la regina delle birre bianche con un grado alcolico del 5%. L’aroma è particolarmente speziato e il gusto molto bilanciato con una schiumatura densa. Viene utilizzato malto d’orzo e frumento non maltato.
GRAND CRU: birra strong ale dal colore arancio e dal sapore particolarmente fruttato. Retrogusto d’arancio e di coriandolo. La gradazione alcolica è superiore alla bianca e raggiunge l’8,7%.
SPECIALE: witbier di colore più scuro della bianca classica e dal gusto fortemente più amaro. Definita speciale perché prodotta solo tra Ottobre a Gennaio e commercializzata solo in Belgio.
CITRON: birra radler (aromatizzata al limone), di colore bianco e dal forte sapore agrumato.
ROSEE: di colore rosato, è prodotta con succo di lampone che le dona un sapore molto dolce.